Sabato, 02 Marzo 2024

2. - Istruzione sulla missione da svolgere rilasciata ai quattro Redentori dall’Arciconfraternità, s. d.

2
Istruzione sulla missione da svolgere rilasciata ai quattro Redentori dall’Arciconfraternità, s. d.
(Mazzo II, fase.83, ff.583-592)
Instrultione delle cose necessarie che si deveno osservare da voi Pre fra Pietro piacentino cappuccino et due compagni frati et da voi R.do S.r Giovanni
Sanna decano della Chiesa di Ales et da voi ms. Lodovico Giugni laico romano deputati dalla Venerabile Archi confraternita del Confalone di Roma per Redempto- ri de schiavi xpiani che si trovano in Algieri et altri luoghi de Barbaria.
Essendo che fra l’altre opere pie che dalli fedeli xpiani continuamente esercitano, l’opera de redimere schiavi xpiani de mano de infideli sia forse la maggiore et di più carità et merito. Però voi detti redemptori prima per salute delle anime vre poi per repusario(?) di questa santa opera dovete cercare di stare continuamente uniti insieme et di essere de un medesimo volere et che specialmente voi sr. Decano et ms. Ludovico debbiate reverire et obedire il Pre fra Pietro et suoi compagni et da loro pigliare conseglio in ogni cosa pertinente a questa santa opera. Et che voi ms. Lodovico come laico debbiate oltre la reverentia et obedientia detta da portarsi alli frati, reverire ancora et obedire il sr. Decano si per la dignità sacerdotale come anche per l’età.
A voi ms. Lodovico sono stati consegnati in Roma scudi trenta d’o. in o. per le spese da farsi per voi et per li frati insino à Marseglia ove trovarete altro ordine de danari se ne havete bisogno (come apparisce al Banco delli Bandi). Co- sìche da voi si ha da fare questa spesa del viaggio insino a Marseglia et che non si possa mai dubitare di cosa alcuna, debbiate di giorno in giorno notare et scrivere tutte le spese che si faranno per mano vra in un libretto consegnatovi qui in Roma a qsto effetto, quale debbiate fare sottoscrivere dalli frati cappuccini cioè da fra Pietro solo et non possendo lui da un suo compagno, et ancora dal sr. Decano accio possiate meglio renderne conto; et se bene el sr. Decano deve andare a tutte sue spese et anche stare a tutte sue spese in Algeri et altri lochi de Barbaria come ha promesso non di meno si priega el detto sr. Decano da tutta l’Archicon- fraternita che voglia pigliarse questa fatiga di vedere dette spese et che settimana per settimana si saldino et sottoscrivano da voi fra Pietro et sr. Decano. Andarete voi fra Pietro et vri compagni frati insino à Livorno o à Lerice et ivi imbarca- rete alla volta de Genova quando però siano arrivati da voi el sr. Decano et ms. Lodovico cercando con ogni diligentia de imbarcarve in vascelli più securi che potrete.
Arrivati che sarete a Genova oltre le altre lettere che haverete scritte per viaggio scriverete subito dando avviso del vro arrivo et del passaggio che spera- rete fare per Marseglia. Mentre starete in Genova liavendo bisogno de danari et che detto bisogno sia giudicato dal pre fra Pietro, potrete recorrere dal sr. Pier Ioseppe Iustiniani il quale haverà lettere dal sr. Carlo de’ Massimi che vi debbia provedere de danari et de altre cose necessarie, dal quale et da altri mercanti de Genova doverete pigliare menuta informatione della comodità che è da Genova à Algieri nel remettere danari et di quello che si perderia per cento, à remettere li danari per poliza et certezza de havere poi in Algieri tanti scudi boni spagnoli, overo per sacchetti molto bene assecurati da mercanti da ogni naufragio et altri pericoli de mare soliti a assecurarsi in sin dentro overo insino alla porta de Algieri et de ciò ne darete aviso minutamente, molto chiaro et pieno de ogni particularita accio da questa prima volta in la se ci sarà più utile ciò è manca spesa et più comodità et più securezza per la via de Genova che de Marseglia si possa remettere il danaro per cosi et quivi contrattare.
Darete anche aviso se per questa via si può havere salvo condutto et in quanto tempo si può havere resposta da Algieri à Genova. Mandando anche nota delli Mercanti che sono in Genova che tengono corrispondenti in Algieri, et si potrete manderete ancora nota delli mercanti che sono in Algieri de quali ne havete havuta informatione da diversi mercanti de Genova.
Possendo pigliare passaggio securo de Genova à Marseglia o in galere ò in nave lo pigliarete et di questo si remettera alla diligentia vra perche vi curre el pericolo delle vite vre.
Se de qui a Genova se ammalassi fra’ Pietro ò suo compagno et bisogna aspettare la sua sanità purché non sia malatia che andasse molto in lungo voi sr. Decano et ms. Lodovico li debbiate aspettare et procurare per loro medico et medicine necessarie et guariti che siano seguitarete el vro viaggio et caso che la malatia si vedesse andare in lungo overo fusse mortale che potesse allungare questa santa opera ne darete aviso à Roma accio si possa pigliare altro provedimento et resolutione, et questo intenderne se si amalassino da Genova à Marseglia.
Et voi sr. Decano et ms. Lodovico seguiterete el vro viaggio purché fra Pietro o suo compagno amalati restando di non poter far viaggio restino in qualche convento de frati cappuccini, et se nel loco dove fussero amalati non vi fusse loco de frati cappuccini cercarete con ogni meglior comodità de farli condurre non reguardando a spesa alcuna al più vicino loco che vi sarà, et arrivati che sarete in Marsegiia voi sr. Decano et nis. Lodovico havendo dato aviso del tutto ivi aspet- larete aviso da Roma. Et si ve amalassivo voi sr. Decano ò ms. Lodovico come si è detto de sopra per li frati si osservi el medesimo per voi ancora, et caso che mancasse uno di voi il che Dio non permetta voi Pre’ fra Pietro et l’altro che restara seguitarete el viaggio insino a Marsegiia et de li in Algieri, et si mancasse- vo per sorte tutti due voi Pre’ fra Pietro vi fermarete nel più comodo loco che vi parera dandone aviso all’Archiconfraternita accio possa deputare altri per questa santa opera ò fare altra resolutione necessaria.
Le Ire che portarete de favore al Gran Priore de Francia et à altri, le consegnarle procurando da lui ò da altri ogni sorte de favori necessarii a questa santa opera così anche per ottenere salvi condutti et altre securezze. Se il salvo condutto del quale già fu scritto in Algieri che si dovesse mandare in Marsegiia in niano del sr. Fabritio Felix mercante sara venuto vederete molto bene si è terminato per due ò tre o più persone, et caso che fussi per due soli et che non polessivo passare tutti insieme voi fra Pietro passarne con chi più vi piacerà o col sr. De-cano ò con ms. Lodovico, ò vero farete passare loro due et aspettate che vi mandino el salvo condutto, ò pure passando voi prima lo mandarete poi a chi resta, et che in ciò el sr. Decano et ms. Lodovico debbiano espressamente obedire a voi fra Pietro.
Et se el salvo condutto non sarà venuto subito che siate in Marsegiia senza dilatione alcuna procurarete con li favori del gran Priore et detto mercante et di altri farlo venire quanto prima in modo che tutti insieme possale sicuramente passare per Algieri, spendendo quello che sarà necessario per ottenere detto salvo condutto.
Li danari che vi saranno contati in Marsegiia li farete mettere in sacchetti overo gruppi coperti de tele incerate et che siano in tanti scudi d’oro in oro spagnoli de bon peso, et assecurarli con bone securtà insino alla porta de Algieri pagando quel manco che sia possibile, cercando ogni avantaggi et manco perdita, che potrete.
Et se per sorte da mercanti ò altri che haveranno cognitione et pratica grande de detto negotio del rimettere denari, in Algieri el particolarmente pel negotio de rescattare schiavi (il che spesso si tratta et negolia in Marsegiia) ve fusse consegnato esser meglio lassare li danari in Marsegiia per fuggire el pericolo de portarli in Algieri per molte cause et pericoli che potriano occorrere portando però nna lettera de credito in Algieri à qualche mercante più securo che potrete havere per tutta la somma che lassarete in Marsegiia, et secondo che si rescattaranno schiavi farrete sborsare la somma delli danari che bisognara dal mercante al quale sarà diretta lettera di credito considerando sempre con el giudizio de più mercanti et altri homini pratichi quello che torni più utile ò manco perdita, ò manco pe- riculo, ò manco interesse, ò manco danno, ò de portare li danari in Algieri de contanti in sacchetti ò gruppi ò vero lassarli in Marsegiia et passarli per lettera de credito come si è detto remettendo però el tutto alle conscientie et giuditio vro, non restando pero de dirve che per comune opinione de qua è meglio passarli per sacchetti ò gruppi assecurati da bone securta che per cedole o polize perche in Algieri non si trova così per corrispondentia moneta bona, et non fusse un guadagno ciò è un assecuramento più che grande di lassarli in Marsegiia non è in nessun modo da attenderce.
El Breve aplico delle facilita concessovi da N. S. lo potrete lassare in Mar- seglia nel Convento delli frati capuccini perche portandolo in Algieri vi potria più presto portare danno che utile. La patente datavi dalla Archiconfraternita sotto- scritta dalli Cardinali e Guardiani potrete ancora lassarla in Marsegiia nel detto loco per più respetti.
Li grani benedetti potrete anche lassarli in una sacchetta in Marsegiia caso che ve fussi pericolo de portarli et di ciò ne haverete piena informatione da diversi a Marsegiia quali poi quando occorressi lassarli con commodita darete aviso alli padri cappuccini de Marsegiia alli quali li haverete lassati che ve li mandino, et così securamente li polrete bavere et dispensare à modo vro.
Avertirete quando sarete in Algieri de non cotnenzare così subito à esercitare li sacramenti ma vi andarete consegnando con el tempo et comodità che haverete et che vi sara data. Portarete in Algieri la Patente volgare dell’Archiconfra- ternita dove vi deputa per redemptori acciò se dal Re d’Algieri ò altri fussivo rechiesti di monstrare sotto che titolo andiate lo possiate monstrare.
Anderete a far reverenda al Re el altri offitiali che gìudicarete esser necessario dicendoli espressamente che voi non andate per altro se non per redimere et rescattare schiavi del stato ecclesiastico et direte che questa è una opera nuova-
mente instituita dall’Archiconfraternita del Gonfalone de Roma accio non pensino che il Papa vi mandi et che habbiate quantità et gran somma de danari.
Starete con l’hocchi aperti à pagare tutti li datii gabelle et altre impositioni che per tal conto della Redentione si deveno pagare, ò vero per gabella de remessa de danari che si facesse acciò non incorressi™ in qsxalehe perù?#}# es
Rescattarete gli schiavi datovi in lista particolare quali hanno pagato danari per ci --30 rescatto avertendo che la spesa che si fara in detti schiavi non passi la somma anta nelli Capitoli fatti et stipulati con voi sr. Decano et ms. Lodovico de ve si manda copia nel fine della presente instruttione recordandovi che per ò quindici scudi più di quello che è nelli capitoli non lassiate un schiavo i in servitù et particolarmente de quelli schiavi che hanno pagato qualche som- de danari secondo che vederete nella lista particolare.
Ei anche el rescatto de quelli soli fusse di tanta somma et prezzo che eccedi di gran lunga il prezzo contenuto nelli capitoli suddetti, ne darete avviso oculare a Roma accio si possino avvisare li parenti che hanno sborsato el da- se per sorte vorranno provvedere del resto che bisognasse per el supplemento rescatto, cercando de havere lettere de detti schiavi che non potranno essere .sitati dirette alli loro parenti et amici.
Ve si manda nella detta lista notati quelli schiavi che ha ordinato N. S.re rescattino nelli quali osservarne quello che si è detto di sopra per quelli che Sanno pagato qualche somma de danari.
\ e si manda la lista universale delli schiavi che hanno dato memoriale all’Ar- ekiconfraternita delli quali voi fra Pietro Sr. Decano ms. Lodovico debbiate jjiglia- re piena informatione con ogni diligentia et particularmente de quelli che saranno del stato ecclesiastico, overo che siano stati soldati presi nelle galere di N. S. rt»ro forzati in dette galere et visto et bene fra di voi considerato et discorso li prezzi de detta qualita de schiavi rescatlarete per questa prima volta quelli che arinno de manco prezzo accio si possa fare maggior numero et l’altri consolante con darli speranza per la seconda volta et che fra tanto liabbino patientia.
Et à fare questa scielta de schiavi, cercando prima per una parte de rescattare s»ldati in dette galere se bene non sono del stato eccl.iastico, poi forzati in dette nkre se bene non anche non sono del stato eccl.iastico, et poi altri de detto stato «eel.iastico, recordandove che nelli soldati et forzati se deve avere in prima con- sàderatione a quelli del stato ecc.liastico et poi aH’altri, si grava le conscientie vre «S si ordina espressamente à voi sr. Decano et ms. Lodovico che debbiate con- Aescendere et obedire all’opinione di fra Pietro il quale debbia fare detto compartiremo de schiavi standocene noi su la sua conscientia. Et se dal Re de Algieri ò aitri Turchi ò mori che haveranno schiavi et che voi ne volessivo pigliare in credenza il prezzo di ciascheduno de quali non ecceda in nessun modo la somma or- fcuita nelli capitoli fatti con voi sr. Decano et ms. Lodovico purché siano del ecclesiastico volendo pero che voi o alcuno de voi restiate in pegno o per «tacsi non lo debbiate fare se prima non ne date avviso alla Arehiconfraternita artìo possa resolvere et determinare per quanta somma de danaro habbiate a fare 4Aho dalla quale havere resolutione et ordine di quanto haverete à fare, asse- earandove che se per sorte restassivo in pegno per quella somma per la quale fciverete promesso l’Archiconfraternita sempre rimetterà el danaro necessario et «Fp->rtuno, et si dechiarera perpetuamente obligata alla vostra gran carita et cor- Ibk. Li schiavi che rescattarete debbiano havere una carta di fede et de liberta ondo si usa in quelli paesi avertendo che in detta fede non si mettano per te- onii ne xpiani ne hebrei ma solo mori et turchi et se pigli in lengua arabica et non xpiana.
La fede et liberta de quelli schiavi delli quali sarà data lista che haveranno pacalo per el loro rescatto se ne mandi un duplicalo in lengua arabica sottoscritto Ài detti schiavi che saranno rescattati el da altri xpiani, et da voi fra Pietro Sr. De- «*=:•: et ms. Lodovico, con una lettera loro accio [parola incompresa] se possa ruo- mnre alli loro parenti che siano stati liberati. Delli schiavi che saranno liberati ¦me msndarete lista et nota in questo modo perche ogni schiavo nella lista bavera ri. svo numero conforme alla lista che resta in Roma, come dire 128 Paolo Bolo- e. Così darete aviso Paolo Bolognese à numero 128 rescattato per tanto prezzo eie si possa accomodare le scritture qui in Roma secondo el rincontro che se -* Sene.
Et se per sorte voi rescattassivo altri schiavi che quelli che sono in lista il che fervente potreste fare con retrovarne de quelli che sono del stato eccl.iastico et 3- c seno descritti in lista à quelli rescattati che siano non accadera mettere nu- 7X7 ¦ na solo darne aviso et di questo rescatto da farse tanto de quelli descritti
nella lista tanto de altri del stato eccl.iastico che non sono in lista come si è detto si rimette nelle conscientie vre et particularmente de voi fra Pietro al quale voi sr. Decano et ms. Lodovico debbiate obedire.
Vi guardarete de parlare mai à solo à solo con schiavi perche se occorresse che alcuno de poi ne fuggisse ò dal pr.one fusse trabalzatoU), li Turchi vorriano esser da voi pagati per la somma che li paresse prosoponendo che detto schiavo fusse fuggito per colpa et conseglio vro.
Vi farete poveri et mendichi et spetialmente mostrarete esser venuti à rescattare poveri schiavi et di poco prezzo de danari de elemosine accio dalli Turchi et mori non fusse pensato che havessivo gran somma de danari.
Mentre starete in Algieri vi caparete una stantia à vro giuditio più commoda et de manco spesa che sara possibile et anche più secura et per quanto se intende in casa de liebrei si alloggia securo ma se ve ne fussero xpiani che allogiassero meglio saria in casa loro die in casa de liebrei ma in ciò si rimette al giuditio vro perche quando sarete nel loco vederete quello che sara più utile.
Vi farete le spese delli danari della Archiconfraternita tenendone conto sottoscritto da tutti voi accio si possa con più fedeltà renderlo alPArcliiconfrater- nita, eccetto che à voi sr. Decano quale devete stare a vre spese come liavete promesso et se viverete con gli altri contribuirete alla rata delle spese; il sopradetto conto lo scriverete in un libretto fatto à questo effetto.
Se per securezza della vita vra et per honore dell’Arcliiconfraternita vi bisognasse tenere un jannizaro secondo se intende che si usa in quelli paesi lo terrete et lo accarezzarete secondo meglio et con manco spesa vi parera. Et perche li altri Redemptori che vanno in Algieri et Costantinopoli mandati da diverse Reden- tioni sogliono portare presenti al Re et alli Bascia et questo lo possono meglio di voi fare perche portano maggior somma de danari de quello che portarete voi non di meno si considera esser meglio a non presentare cosa alcuna ma andare da poveri et mendichi et caso che bisognasse presentare qualche cosa ci rimettemo al giuditio de fra Pietro al quale voi sr. Decano et ms. Lodovico debbiate obedire.
Pagarne et darete de mancia quello che sara necessario à secretarii mastri de casa et altri ofHtiali del Re per l’espeditione delle carte de liberta. Li altri schiavi che sono nella lista che non si rescattaranno cercarete con ogni diligentia retrovarli et da loro intendere per quanta somma se potriano rescattare et fare che scrivano alli parenti et amici loro perche qui in Roma ve ne sono molti che desiderano sapere se sono vivi ò morti et per quanto stanno schiavi che cosi sapendolo provederiano alli danari per il rescatto de essi et in questo si grava le conscientie vre che con ogni diligentia lo debbiate fare et darne menutamente avviso.
Se per sorte a voi S. Decano et ms. Lodovico fusse consegnata secretamente qualche somma de danari da qualche schiavo che liavessero a servire per el suo rescatto ogniunoU) de voi al quale sara consegnata la debbia revelare all’altro et procurarete con ogni fidelta per quel schiavo che sia rescattato se bene non fusse del stato eccl.iastico dando ad intendere alli mori et Turchi che detti danari ve siano stati consegnali qui in Roma dalli loro parenti ò padre ò madre ò da chi meglio vi parera de dire; et per sorte questo tale schiavo non fusse del stato eccl.iastico si da autorità a voi redemptori che mancando alla somma consegnata dal schiavo quindici o venti scudi li possiate pigliare da quelli della Archiconfraternita, et se el schiavo sara del stato eccl.iastico supplirete insino alla somma contenuta nelli capitoli et secondo parera a voi fra Pietro al quale debbiate credere voi sr. Decano et ms. Lodovico.
Debbiate con carila visitare li schiavi dirli se vi sara concesso spesso messa confessarli et comunicarli ma di ciò ne habbiate licentia dal Re et non lo facciate à modo alcuno senza toleranza delli governatori et superiori per non incorrere in qualche pericolo.
Alli schiavi che rescattarete li farete fare voto ò giuramento et obbligo particolare sottoscritto de mano loro de venire à Roma insieme con voi ms. Lodovico à visitare la Chiesa de S. Pietro et di presentarse alli piedi de S. B.ne et alla Archiconfraternita del Confalone per render gratie del loro rescatto.
Avertirete se ve fussero frati cappuccini schiavi che li primi sian loro à esser rescattati et in questo non haverete da osservare la forma delli capitoli ma esce- dere de qualchecosa da avantaggio perche cosi è mente de N. S.re et debito della Archiconfraternita per l’obbligo che tiene à detta religione dei capuccini.
Subito che haverete fatto el rescatto del numero che vi parera sia à bastanza Voi ms. Lodovico insieme con detti schiavi v’imbarcarete alla volta de Genova ò per dove meglio vi tornara commodo et sbarcati che sarete li condurrete à Roma
¦secondo l’obbligo che haveranno fatto li schiavi et come coroenzartse ì passare per el stato eccl.iastico vi presentarete alle nre compagnie aggregate domandando per tutto se ve ne sono le quali vi faranno la carita de alloggiarvi et se non vi 5000 Compagnie andarete alle comunità overo hospedali per fuggire la gran spesa che ne andaria, et dove non si trovara alloggio si spenda ma se avertisca de spender e con più avantaggio che si può.
Voi ms. Lodovico quando verrete con li schiavi debbiate scrivere avisando de mano in mano à Roma accio la Compagnia possa provedere de quello che «ara necessario per la venuta de detti schiavi.
Avertirete sopratutto de non spendere mai tutto el denaro che quando hiso- gnara che ms. Lodovico venga à Roma con li schiavi ne resti in mano del P. Decano per fare le spere alli frati in Algieri insintanto che da Roma si provvedera de altri danari et che à ms. Lodovico si consegni quelle somme de danari che a tutti ¦voi insieme parera necessario per le spese del viaggio per lui et schiavi che condurrà delli quali debbia tenere conto giorno per giorno accio li debbiano essere refatti dalla Archiconfraternita.
Le lettere che vi si danno et che per l’avenire vi mandaremo inderizate à diversi schiavi in Algieri le consegnarete et ne procurarete resposta.
Le lettere che scriverete da Algieri à Roma all’Archiconfraternita accio vengano più secure che sia possibile ne farete plico più piccolo che si può et farete coperta diretta alli Guardiani delPArchiconfraternita del Confalone di Roma ed una sopracoperta diretta una volta al Cardinal Farnese, l’altra al Cardinal Sans, l’altra al Cardinale d’Este et l’altra al Cardinale S. Croce et l’altra al Cardinale S. Severina et se el plico per sorte fusse grande lo potreste dividere in due ò tre ò quattro diretti à detti Cardinali uno per uno che questo portara securo arrivo et recapito delle lettere.
Quando li schiavi scriveranno lettere pregateli scrivano in manco carta che sia possibile per fare manco plico et fuggire la spesa delli porti.
Non mancarete mai à ogni occasione che vi verrà de scrivere et dare sempre menuto raguaglio di quanto alla giornata vi occorrerà.
Se per sorte come si spera et si tiene certo che il denaro passi in sacchetti da Marsegiia in Algieri et non per credito di lettere, detti danari se vi sara mercante del quale in Marsegiia prima ne habbiate havuta relatione bona et di poi trovato la correspondentia de la detta bona relatione in Algieri per securezza li potrete consegnare in mano in deposito con tutte quelle cautele et sicurezze che vi pareranno necessarie et opportune et caso che difficilmente si trovasse detto mercante si fedele et reale all’hora li danari debbiano stare in mano de tutti voi in una cassetta serrata à chiave della quale ne debbiate tenere chiave voi fra Pietro Sr. Decano et ms. Lodovico et de li cavarete li danari necessarii si per le spese come per el rescatto et caso che si consegnassero in mano del mercante non li possa consegnare à un de voi solo se non à due cioè à voi sr. Decano et fra Pietro overo à voi ms. Lodovico et fra Pietro secondo che portara l’occasione. Et se venisse caso che Dio ce ne guardi che voi P. Decano et ms. Lodovico mancassivo 'all’hora voi fra Pietro debbiate à elettione vra eleggere mercante come meglio vi parera per depositario di detti danari et da lui farli sborsare per il rescatto •et altre spese che occorreranno.
Et se venisse caso che Dio ce ne guardi che voi fra Pietro mancassivo all’hora voi P. Decano et ms. Lodovico debbiate in loco suo sustituire il frate suo compagno ò vero uno de quelli frati capuccini che fussero stati rescattati il quale in omnibus debbia succedere in loco de detto fra Pietro et se non ve fussero frati capuccini rescattati ne compagno voi sr. Decano succederete in loco delli frati et voi ms. Lodovico tutta quella reverenda et obedicntia che dovevi alli frati la portarete al detto sr. Decano il quale per la dignità sacerdotale et età conviene ¦che da noi in detto loco de superiorità sia posto.
Et caso che il danaro che trovarete in Marsegiia vi paresse meglio restasse in deposito in mano de mercanti de Marsegiia per pagarsi poi in Algieri li rescatti che si faranno voi fra Pietro et il sr. Decano et ms. Lodovico (avertendo bene à questo lassare del danaro si è utile ò danno ò maggiore securezza) possiate dividere detti danari in mano de più mercanti per fuggire ogni grosso colpo de fallimento, et dalli Mercanti alli quali saranno consegnati in deposito li danari per quella partita che haveranno in mano ne debbiano dare lettere di credito in Algieri se loro ci haveranno correspondentia in mano de mercanti securi se non che loro la procurino dalli mercanti che ci haveranno correspondentia et in questo avertirete de pigliare informazione delli mercanti securi d’Algieri et à quelli fare inderizzare le lettere recordandovi sempre che detto capitolo de lassare danari in
Marseglia più presso si da per avertimento et che habbiate più presso a passarli per sacchetti perche la comune opinione de qua è che sia più securo per sacchetti ò gruppi che per cedola.
Se da uno schiavo o più tanto del stato eccl.iastico come de altri paesi vi saranno consegnati danari per el loro rescatto come de sopra è detto et che poi morisse debbiate fidelmente tenerne conte in aplicarli secondo l’intentione del morto se vorrà che se ne rescattino schiavi rescattarli òvero che si mandino a’ suoi parenti all’hora darelene avviso aU’Archiconfraternita con servirve di quel denaro- per rescattare altri, et che l’Archiconfraternita à Roma sborsi secondo l’intentione del morto la quale intentione venga dechiarata et scritta et sottoscritta da voi fra Pietro sr. Decano et ms. Lodovico et caso che el schiavo che ve sborsara el danaro» morisse senza darvi altro ordine li metterete fra li altri dell’Archiconfraternita et servirvene per li rescatti che occorreranno.
Tutti li danari che vi verranno in mano consegnatovi da schiavi si per el rescatto come per altra loro volunta et dechiaratione ne darete aviso particolare accio si possa ragnagliare le partite et sapere quanta somma de danari ve sia venuta in mano.
Tutte le lettere che scriverete pertinente al negotio della redentione ò altro quale andaranno in commune alPArchiconfraternita saranno sottoscritte da due de’- voi ò da tutti tre, et se saranno da due siano fra Pietro et il P. Decano ò vero da fra Pietro et ms. Lodovico et siano sigillate con el sigillo quale si è consegnato qui in Roma in mano del P. Decano con promessa che subito che bavera arrivato- per viaggio voi fra Pietro ve lo debbia consegnare in mano perche lo habbiate à tenere et conservare per più securezza del negotio perche cosi è mente dell’Archiconfraternita. Tutte le fede de quelli schiavi che si rescattaranno per haver loro sborsate qualche somma de danari qui in Roma come per la lista potrete vedere,., vengano oltre le sottoscrittione che ci saranno, sigillate con el sigillo che bave- rete in mano.
Et se in detta instrutione mancassi qualche cosa che vi paresse necessaria che- vi dovesse essere messa datene aviso che vi si mandara sottoscritta da tutti li Guardiani conforme alla presente.
Et perche nella copia della presente ci sono restati qui in Roma sottoscritti il P. Decano et ms. Lodovico et vi dovereste essere ancora voi fra Pietro pero scriverete una lettera alla Archiconfraternita la quale serva per accettazione della presente instruttione come si da voi fusse stata sottoscritta.

Gallerie fotografiche

video