Mercoledì, 28 Ottobre 2020
itenfrdees

Condaghe San Nicolo' di Trullas, scheda 163 - De Olvesa

163 De Olvesa

Levaitinke Gosantine d’Athen sa parsone dessa connata, de donna Susan-/46v/na, ci parçivimus cu·lle et cun Gunnari su connatu, et cun Sacraria et Zergu, et cum Plaianu, et cun .vii. Funtanas. Osca fecimus sa campania in corona de donnu Rogeri, legatu de Roma. Derunminde in parte a mimi: sa domo d’Olvesa, latus; et latus dessa domo d’Arcennor, et latus dessa domo de Vionis, cun omnia cantu bi abeat appus sas domos; et derunmi latus d’Istefane Pira cun sos filios, et latus dessu saltu de Presnaki: ca tantu ’nke levait Gosantine d’Athen.
Osca ego certainde in corona de iudice Gunnari cun donna Pretiosa. Essendo ego de vincer, /47r/ campaniaitse mecu: parçivimusnos paris sa domo d’Olvesa, a boluntate de pare; et de totu s’ateru bocaitseminde. Ecco comente parçivimus: posimus (41) ad una parte a Dorgotori Thancute cun su fìliu, et ass’atera parte posimus a nNiscoli cun su fìliu: ego levailu a Dorgotori et assu fìliu, e donna Pretiosa levaitilu a nNiscoli et assu fìliu. Posimus appare a Gosantine Lanpis et a fForasticu: ego levai a Gosantine et issa levait a fForasticu. Posimus ap­pare a mMaria Lampis et a Ianne su fìliu et .iii. fìlias suas, Barusone fìliu de Maria Thancute et latus de Petru de /47v/ Silki; et Maria Thancute et .iii. filios suos et .iii. fìlias: ego lebai a Maria Lanpis et a Ianne su fìliu et .iii. fìlias, et a Barusone et a Petru de Silki; et issa levait a Maria Thancute et .iii. fì- lios et .iii. fìlias suas. Ego levai .iii. pedes de Ianne Troccu; et issa levait latus de Furatu de Ribu. Ego levai latus de Iusta de Ribu e pede de Maria Cossa e pede de Sistu su fìliu; et issa levait .iii. pedes de Caputana et pede de Petru de Silki. Ego levai pede de Simione de Ribu et pede de Ackectore de Ribu et pede de Travesa; et issa levait pede de Muscunione, e pe­de et .ii. dies /48r/de Petru d’Ecti. E(42) remanserun a in comu­ne latus de Margarita e pede de Palma e pede de Stephano de Silki, et pede et duas dies de Pisana, et duas dies de Guantine Cocone et duos(43) dies de Petru Cossa: ka furun picinnos, ka no nno·parea de parthirelos. Testes: Mariane de Maroniu et Comita de Gunale et Comita de Thori. Testes.

163 Olvesa

Si prese Gosantine de Athen la parte di sua cognata, di donna Susanna, che condividevamo con lui e con Gunnari suo cognato e con Saccargia e Tergu e con Plaiano e con [San Leo­nardo di] Sietefuentes. Ci accordammo poi nella corona di donnu Rogeri, legato di Roma. Mi diedero per la mia parte: metà della domo di Olvesa e metà di quella di Arcennor e metà della domo di Vionis con tutto quello che era pertinenza delle domos; e mi diedero metà di Stefane Pira e dei suoi figli, e metà del salto di Presnaki: perché tanto s’era preso Gosantine d’Athen.
Poi feci lite sullo stesso oggetto nella corona del giudice Gunnari con donna Pretiosa. E quando stavo per vincere si accordò con me: dividemmo a metà la domo di Olvesa, con mutuo consenso; e per tutto il resto rinunciò alle sue pretese. Ecco come dividemmo: posimo da una parte Dorgotori Thancute con il figlio, e dall’altra parte Niscoli con il figlio: io presi Dorgotori e il figlio e donna Pretiosa si prese Niscoli e il figlio. Posimo alla pari Gosantine Lampis e Forasticu: io presi Gosantine ed ella prese Forasticu. Posimo alla pari Maria Lampis e suo figlio Ianne e le sue tre figlie, Barusone figlio di Maria Thancute e metà di Petru de Silki; e [dall’altra parte] Ma­ria Thancute e tre suoi figli e tre figlie: io presi Maria Lampis e suo figlio Ianne e le tre figlie e Barusone e Petru de Silki; ed essa prese Maria Thancute e i tre figli e le sue tre figlie. Io presi tre quarti di Ianne Troccu ed ella si prese metà di Furatu de Ribu. Io presi la metà di Iusta de Ribu e un quarto di Maria Cossa e un quarto di Sistu suo figlio; ed ella prese tre quarti di Caputana e un quarto di Petru de Silki. Io presi un quarto di Simione de Ribu e un quarto di Ackectore de Ribu e un quarto di Travesa; ed ella prese un quarto di Muscunione e un quarto e due giornate di Petru d’Ecti. E ci rimasero in co­mune metà di Margarita e un quarto di Palma e un quarto di Stefano de Silki e un quarto e due giornate di Pisana e due giornate di Guantine Cocone e due giornate di Petru Cossa: poiché erano piccoli, non ci pareva opportuno dividerli. Testi: Mariane de Maroniu e Comita de Gunale e Comita de Thori.

(*) Paolo Marci (a cura), Il Condaghe di San Nicola di Trullas, Ilisso edizioni, Nuoro 2001

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo