Sabato, 02 Marzo 2024

14. - Lettera di fra Pietro al sig. Ludovico Felix di Marsiglia in cui riferisce l’inizio della peste ad Algeri e le difficoltà in cui si trova. - Algeri 22 maggio 1585.

14
Lettera di fra Pietro al sig. Ludovico Felix di Marsiglia in cui riferisce l’inizio della peste ad Algeri e le difficoltà in cui si trova. - Algeri 22 maggio 1585.
(Mazzo G, fasc-4, ff.112-113. La lettera risulta di difficile lettura per il suo stato di conservazione).
Molto mag.co Sig.re
Per la Ira che gl’ho già scritto m’haverà inteso come restiamo debitori di ¦cinque o seicento scudi, alli quali scrivo alli SS.ri del Confalone diano provisione ¦col farli rimetter alli Spinao e Borgal di Marsiglia quanto prima, ciò è con la saiet- tina delli detti; Hora perchè qui è la peste, e si dubita che sia per durar, poiché di quattro giorni in qua è molto augumentata, dal che nascerà ch’el commercio ces- sarà e non potendo noi supplire a quanto s’è promesso ne seguirebbe gran danno al negotio che si [parola illeggibile].
Pertanto prego V.S. con ogni diligenza e prestanza inviare le presenti in Roma a fine che diano l’ordine di detti denari avanti la partita della saiettina. Le raccomando il presente ms. Francesco a favorirlo di buon passaggio questo poiché
lo mando à posta à Roma à ragguagliar S.S.tà d’un caso occorso in Tunisi come da esso intenderà, et è occorso miracolo molto notabile, nel quale se ne manda rela- tione; e perchè questi mori hanno fatto tumulto contra christiani di volerli abru- giar l’imagini de santi et impedirli le messe, se dubbita di qualche persecutione, per il che prego V.S. raccomandarci universalmente Foratione di tutti à fine il Sig.re dia a noi poveri christiani d’Algieri patientia et humiltà per resistere al furore di questi barbari; se degnerà in particolare raccomandarmi alli padri cappuccini col darli copia della presente relatione del miracolo; Di più la supplico con gli ordini di Roma mandarci lettere di S. Xpianissima M.tà e del Gran Priore, al Re et al Agà di giannizzari; Item farà anche favore di rengratiar per parte mia il s.r Bionneau Padre del s.r Console qui delle molte cortesie ricevute dal s.r Vice -Console suo figlio, al quale habbiamo sempre a ristar con infinito obligo. E con •questo à V.S. m’offro, e racc.o.
D’Algieri li 22 di Maggio 1585.
d. V.S.M.M. servo nel Sig.re
fra Pietro piacentino cappuccino

Gallerie fotografiche

video