Martedì, 20 Ottobre 2020
itenfrdees

Condaghe San Nicolo' di Trullas, scheda 188 - Donnu Mariane di Athen

188  Donnu Marìan<e> /56r/d'Athen

Kertarun mecu sos dessu Ospitale, donnu Gerardu et Taiaferru, prossa domo d'Iscanu, ki fuit de donnu Mariane de Athen, ki deit iudice ad anbas [e]clesias:47 prò ca naravat sa carta ki fecit isse, donnu Mariane, prò dare sos fìlios .i. domo bona ad anbas ecclesias a parçiresi. Et osca andarun sos priores ki vi furun tando in sas ecclesias e ppa<r>çirunsilas latus a llatus a bona voluntate de pare. Et osca kertait mecu Taiaferru pro  averende isse duas partes, in corona de iudice Gunnari, s'atera die de Pasca Nuntio, in Kiterone. Et ego naraindeli ca «Parçitu amus», et isse ca «Non». Paruitili bene a iudice pro  canpaniare nos. Et canpaniaimusnos appare: /56v/ et deili ego sa parte mea dessu saltu de serra de Nuke intrega, cum boluntate mea, et a Barusone Nonnai intregu; et indulsitimi su kertu isse et donnu Geraldu. Et avestara si 'nde accatamus ad alikis de custa parçone o ego o isse, de parçirenolla paris. Testes: iudike Gunnari et Comita de Gunale su fratre, et Ma­riane de Maroniu. Testes.

  188 Donnu Mariane de Athen

Fecero lite con me quelli dell’Ospedale, donnu Geraldu e Taiaferru, per la domo di Scano che era stata di donnu Mariane de Athen, che il giudice aveva assegnato ad entrambe le chiese: poiché diceva la carta che aveva fatto lui [stesso], donnu Mariane, che i figli dessero una buona domo alle due chiese che se la spartissero. E poi andarono i priori che reggevano a quel tempo le [due] chiese e se la divisero a metà con mutuo accordo. E in seguito fece lite con me Taiaferru per averne lui ambedue le parti, nella corona del giudice Gunnari, l'indomani dell'Epifania a Kiterone. E io gli dissi: «L'abbiamo divisa» ed egli ribattè: «No». Parve bene al giudice di metterci d'accordo. E trovammo un accordo: ed io gli diedi per intero la mia parte del salto di serra de Nuke, con il mio consenso, e Barusone Nonnai intero; e rinunci[arono] alla lite egli e donnu Geraldu. E per il futuro [ci accordiamo che] se riceviamo da qualcuno porzioni di questa proprietà, o io o lui, di dividercela in parti uguali. Testi: il giudice Gunnari e Comita de Gunale suo fratello e Mariane de Maroniu.


(*)
 
Paolo Marci (a cura), Il Condaghe di San Nicola di Trullas, Ilisso edizioni, Nuoro 2001

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo