Martedì, 23 Aprile 2024

GIUGNO

GUIDA AL TREKKING

Introduzione

zainoTrekking, letteralmente, significa "camminare lungo le orme lasciate dai carri trainati dai buoi" ed è una parola che deriva dal boero, la lingua degli antichi coloni olandesi del Sud Africa.

Trekking è oggi diventato sinonimo di "camminare", percorrendo sentieri, mulattiere, itinerari più o meno lunghi che si snodano in mezzo alla natura, facendo tappa in rifugi, bivacchi o centri abitati.

Non si tratta però di un camminare fine a se stesso, o di una "impresa ai limiti della sopravvivenza", o di una disciplina sportiva che si prefigge un traguardo; trekking è prima di tutto conoscenza attenta del territorio che si attraversa, è cultura ed è ricerca.

Il Trekking è un'attività alla portata di tutti, in quanto si possono scegliere anche bellissimi itinerari che non presentano alcuna difficoltà, adatti anche ai principianti o alle persone che hanno problemi ad affrontare forti dislivelli. Inoltre si può praticare in ogni periodo dell'anno: ogni territorio ha la propria "stagione ideale", durante la quale si possono apprezzare nel modo migliore le peculiarità paesaggistiche e le caratteristiche più significative.

Leggi tutto: Introduzione

Preparazione

Prima di intraprendere una qualsiasi escursione, è importante avere conseguito un adeguato allenamento e, se non si conosce la zona, studiare preventivamente il percorso con l'aiuto di carte e guide.
È altrettanto importante avere un idoneo equipaggiamento (scarpe, zaino, abbigliamento, ecc.).


ALLENAMENTO

allenamento Camminare è talmente fisiologico per cui si può affermare che è l'unica attività perfettamente equilibrata per il nostro fisico.

Nell'escursionismo, come in ogni altra attività che presuppone un serio utilizzo del fisico, è fondamentale abituare gradatamente il corpo agli sforzi che dovrà produrre.

Leggi tutto: Preparazione

Partenza

marciaMarcia

Il segreto per coprire grandi distanze è un ritmo costante, senza strappi, arresti o partenze improvvise, dettato dal proprio allenamento e dalle proprie capacità fisiche. Ecco perché ognuno dovrebbe abituarsi a sviluppare un proprio ritmo di marcia.

Leggi tutto: Partenza

Gallerie fotografiche

video